Skip to main content

RS 273

Thibaut de Champagne

IDiex est ausis conme li pellicansqui fait son nif el plus haut arbre sus,et li mauvais oisiax, qui est dejus,4 ses oiseillons ocist, tant est puans;li peres vient destroiz et angoisseus,dou bec s’ocist, de son sanc doulereusfait revivre tantost ses oiseillons.8 Diex fist autel quant fu sa passïons:de son dous sanc racheta ses anfanzdou dëable, qui tant par est puissanz.

IILi guerredons en est mauvais et lens,12que bien ne droit ne pitié nen n’a nus,ainz est orguiex et baraz au desus,felonie, traïson et bobans.Moult par est ore vostre estaz perilleus,16et se ne fust li exemples de ceusqui tant ainment et noises et tençons –ce est des clers qui ont laissié sermonspor guerroier et por tuer les gens –20jamais en Dieu ne fust nus hons creanz.

IIINostre chiés fait touz noz membres doloir,por ce est bien droiz qu’a Dieu nos en plaignons;et grant corpe ra moult sor les barons,24cui il poise quant aucuns veut valoir;et entre gent en font moult a blasmerqui tant sevent et mentir et guiller;le mal en font desus aus revertir28et qui mal quiert maus ne li doit faillir:qui petit mal porchace a son pooirli grans ne puet en son cuer remanoir.

IVBien devrïens en l’estoire veoir32la bataille qui fu des .ij. dragons,si com l’an trueve el livre des Bretons,dont il covint le chastel jus chaoir:c’est li siecles cui il covient verser,36se Diex ne vuet la bataille finer;le sens Mellin en covient hors issirpor deviner qu’estoit a avenir.Mais Andecriz vient, ce poez savoir,40as malices qu’ennemis fait movoir.

VSavez qui sont li vil oisel punaisqui tuent Dieu et ses anfançonnez?li papelart, dont li mons n’est pas nez;44cil sont bien ort et puant et mauvais:il ocient toute la bone gentpour lor faus moz, qui sont li Dieu anfant.Papelart font le siecle chanceler;48par saint Pierre, mal les fait ancontrer!Il ont tolu joie et soulaz et pais:s’en porteront en enfer le grant fais.

VIOr nous doint Diex lui servir et amer52et la Dame, c’on ne doit oublier,et nous veille garder a touz jours maisdes maus oisiaus qui ont venin es bes.

IGod is similar to the pelican which makes its nest up in the highest tree; and the evil bird underneath kills its chicks, it is so foul. The father returns full of distress and anguish, kills itself with its beak and from the painful flow of blood brings its chicks immediately back to life. God did the same in the hour of His passion: with His sweet blood He ransomed His children from the devil, who is so enormously powerful.

IIRepayment is deficient and slow, for no-one harbours goodness or justice or pity; so pride, fraud, disloyalty, treachery and arrogance prevail. Now your situation is extremely dangerous, and were it not for the example of those who so love both uproar and disputes – that is, the clergy who have abandoned sermons to wage war and kill people – no-one would have faith in God any more.

IIIOur head brings pain to all our limbs, so it is right that we should complain of this to God, but the heavy guilt lies largely with the barons, who grieve when anyone wants to give proof of valour; and those who know so much about lying and cheating thoroughly deserve publicly condemnation. They bring the evil back upon themselves, and anyone who seeks after evil will find it without fail: for if a man tries his utmost to pursue a small evil, a great one is able to settle in his heart.

IVWe ought to bear well in mind the story of the battle of the two dragons to be found in the book of the Bretons, which caused the castle to collapse; this is the world, which risks ruin if God is unwilling to put an end to the battle. Merlin’s science was needed to divine what the future would bring; but Antichrist is coming: this you may know from the vices that the devil is fomenting.

VDo you know who are the vile, stinking birds who kill God and his little progeny? Religious hypocrites, who are unclean en masse; they are truly repulsive and stinking and evil: they kill all the good people, who are God’s children, through their false words. Religious hypocrites make the world falter; by St Peter, woe betide anyone who meets them! They have taken away joy and comfort and peace and will bear the great burden of this to hell.

VIGod grant that we may serve and love Him and Our Lady, whom we should keep in remembrance, and protect us for evermore from the evil birds which have poison in their beaks.

IDio è paragonabile al pellicano, che fa il suo nido in cima all’albero più alto; e l’uccello cattivo che sta sotto uccide i suoi piccoli, tanto è il suo fetore. Il padre torna distrutto e angosciato, si uccide col becco e col sangue sgorgato dal suo dolore fa subito rivivere i suoi piccoli. Dio ha fatto lo stesso nell’ora della sua passione: con il suo dolce sangue ha riscattato i suoi figli dal diavolo che è davvero molto potente.

IIIl contraccambio è lento e scarso, perché bontà, giustizia, pietà non ne ha nessuno; anzi, ciò che prevale è l’orgoglio, la baratteria, la slealtà, il tradimento, la superbia. Ora la vostra condizione è davvero molto pericolosa, e se non fosse per l’esempio di coloro che amano tanto le contese e le battaglie – cioè i chierici, che hanno abbandonato i sermoni per combattere e uccidere la gente – nessuno avrebbe più fede in Dio.

IIIIl nostro capo fa dolere tutte le membra, per cui è giusto che ce ne lamentiamo presso Dio, ma una gran (parte della) colpa ricade anche sui baroni, ai quali dà fastidio quando qualcuno vuole mostrare il suo valore; e meritano soprattutto di essere pubblicamente biasimati coloro che sanno solo mentire e ingannare; non fanno che attirare su di loro il male, e chi cerca il male finisce per trovarlo: se qualcuno si dedica a perseguire un piccolo male, un male (più) grande può insediarsi nel suo cuore.

IVDovremmo tenere ben presente il racconto della battaglia dei due draghi, che possiamo trovare nel libro dei Bretoni, a causa dei quali il castello crollava; è il mondo che rischia di precipitare, se Dio non vuole porre fine alla battaglia; fu necessaria la scienza di Merlino per capire cosa stava accadendo. Ma l’Anticristo sta arrivando, potete capirlo dai vizi che il diavolo fomenta.

VSapete chi sono gli uccellacci mefitici che uccidono Dio e la sua prole? I religiosi ipocriti, la cui congerie non è pulita; essi sono davvero ripugnanti, schifosi e vili, e uccidono tutte le persone buone, che sono i figli di Dio, a causa dei loro discorsi ipocriti. I religiosi ipocriti fanno vacillare il mondo; per san Pietro, guai a chi li incontra! Hanno posto fine alla gioia, al conforto e alla pace: ne porteranno il grande peso all’inferno.

VIDio ci conceda di servirlo e amarlo e la Signora, che non dobbiamo dimenticare, ci protegga sempre dagli uccelli cattivi che hanno il veleno nel becco.

Historical context and dating

Two dates are possible for this text. It may refer to the events of 1236-1239, the period of constant conflict between Pope Gregory IX and the emperor Frederick II and of long and difficult preparations for the expedition to the Holy Land which was in fact to be led by Thibaut de Champagne (see the numerous points of contact with the song RS 1152, probably written near the time of departure of the 1239 expedition). Alternatively, and more probably, it may date from the time of the Albigensian crusade following the siege of Avignon (1226-1229, but certainly before Frederick left for the Holy Land in the summer of 1228). Characteristic of compositions of these years are the condemnation of hypocrisy and anti-clerical polemics.

Contesto storico e datazione

Due datazioni sono possibili per questo testo: la canzone potrebbe riferirsi agli eventi degli anni 1236-1239, teatro dei continui contrasti tra il papa Gregorio IX e l’imperatore Federico II e dei preparativi lunghi e tormentati della spedizione in Terra Santa che sarà guidata proprio da Thibaut de Champagne (si vedano i numerosi punti di contatto con la canzone RS 1152, scritta verosimilmente a ridosso della partenza per la spedizione del 1239) oppure, più probabilmente, al periodo della crociata albigese successivo all’assedio di Avignone (1226-1229, ma certamente prima della partenza di Federico II per la Terra Santa, avvenuta nell’estate del 1228). Sono caratteristiche dei componimenti di questi anni la condanna dell’ipocrisia e la polemica contro il clero.