Skip to main content

RS 227b

Anonymous

Anonimo


IHai las! Je cuidoie avoir laisé en Franceles maus d'amors e les dangiers morteusq'eo hai sofert si lo‹n›gement tot seus,4mais je ne puis sofrir ma mescheancec'or m'en trove a majors en Romenieqi m'ont repris e mis en tel prisondont li çartiers est plus fort d'un lion.

II8Char li lions, qi envers lui s'umilie, ne li deigne feire riens si bien non.Deus, qel exanple e qel recordoisona ceus qi ont sor autrui segnorie!12Dame or aiez del lion remenbrance qi aus felons est fels e otrageuset aus humels de bon aire e piteus.

IIIPar Dieu, Amors, s'a ma dame n'oblie16le grant orgoil do‹n›t elle ha tel foison, a paine puis venir a garison!Mais une riens me conforte et afie:qe son cler vis e sa simple semblance20e si bel oil riant et amoreusne jugent pas qe li cuer soit crueus.

IAlas! I thought to have left behind in France the pains of love and the mortal dangers I have so long suffered alone, but I cannot bear my ill luck, for now I find myself even more ill-starred in the East because they have seized hold of me once more and put me in a prison whose gaoler is fiercer than a lion.

IIFor the lion deigns to do nothing but good to the one who humbles himself before it. My God, what an example and what a warning to those who have power over others! Lady, now remember the lion who is cruel and overbearing to the wicked but kind and compassionate to the humble.

IIIIn God’s name, Love, if my lady does not forget the great pride which she has in such abundance, it will be hard to me to attain salvation! But one thing comforts and encourages me: that her bright face and her candour and her beautiful, laughing, loving eyes do not indicate that her heart is cruel.

IAhimé, io che credevo di aver lasciato in Francia i mali d'amore e i rischi mortali a cui sono stato esposto così a lungo da solo, non posso tollerare la mia sventura ora che me ne trovo di maggiori in Oriente, che mi hanno ricatturato e messo in quella prigione il cui guardiano è più feroce di un leone.

IIPerché a chi si umilia di fronte a lui, il leone non concede altro che bene. Oh Dio, quale esempio e quale monito a coloro che hanno signoria sugli altri! Dama, allora ricordatevi del leone che verso i felloni è crudele e spietato ma verso i supplici è buono e compassionevole.

IIIIn nome di Dio, Amore, se alla mia dama non viene meno il grande orgoglio che lei possiede in abbondanza, è difficile che io possa trovare salvezza! Ma una cosa mi conforta e mi rincuora: che il suo chiaro viso e la sua ingenuità e i suoi begli occhi ridenti e amorosi non rivelano quanto il cuore sia crudele.

Historical context and dating

This is an unusual crusade song. It is not exactly a chanson de départie, since the poet declares that he is actually far from France; it could be defined as a song of courtly love from Outremer. The text offers no other element that could establish context and date, but, since the little collection of ms. Za can be placed between the end of the 12th and middle of the 13th centuries (the terminus ante quem being taken as 1253, the year of the death of Thibaut de Champagne of whom six songs are transcribed in it), it would seem justifiable to ascribe this song to the same chronological timeframe.

Contesto storico e datazione

Si tratta di una canzone di crociata singolare. Non essendo propriamente una chanson de départie, perché il poeta dichiara la sua attuale lontananza dalla Francia, potrebbe definirsi una lirica d'amore cortese «d'Oltremare». Nessun elemento ulteriore è offerto dai versi per stabilire contesto e data. Ma poiché la piccola raccolta del ms Za è situabile tra la fine del XII e la metà del XIII (considerando come terminus ante quem il 1253, anno della morte di ThChamp di cui sono trascritte sei canzoni), parrebbe lecito collocare nello stesso arco cronologico anche questa canzone.